Verso la ripresa: nuovo protocollo di sicurezza negli ambienti di lavoro.

Diritto del lavoro e dell'impresa

27 Aprile 2020 StudioLegaleBcm

Con il d.PCM 26 aprile 2020, il Governo ha introdotto alcune novità in materia di spostamenti ed esercizio delle attività, allentando parzialmente le precedenti restrizioni.

Si segnala che, per quelle imprese le cui attività non saranno più sospese a partire dal 4 maggio 2020, si prevede la possibilità di svolgere, sin dal 27.04.2020, tutte le attività propedeutiche alla riapertura.

Tra queste, sicuramente rientra la sanificazione e l’adozione delle misure di sicurezza funzionali all’esercizio dell’attività.

Ed infatti, il decreto ha imposto, all’art. 2 comma 6, il rispetto dei contenuti del protocollo condiviso per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro, sottoscritto il 24 aprile 2020 fra il Governo e le parti sociali, che ha integrato il precedente protocollo del 14.03.2020.

In particolare, la mancata attuazione del protocollo, ove non siano assicurati adeguati livelli di protezione, determinerà la sospensione dell’attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

Si conferma, dunque, l’importanza del rispetto delle previsioni ivi contenute per poter regolarmente svolgere l’attività